Biodinamica

Cos'è la cultura Biodinamica

Agricoltura Biologica e Biodinamica hanno molti elementi in comune, quali una visione olistica, un ciclo aziendale chiuso, il divieto di utilizzare preparati chimici di sintesi, il rispetto del territorio, ma quest’ultima si fonda su un modo di pensare e di agire che prende in esame il mondo sensibile, la realtà soprasensibile e quella cosmica che agisce su di esso. L’azienda agricola viene, infatti, considerata un vero e proprio organismo vivente a ciclo chiuso, dove si trovano in equilibrio terra, vegetazione, animali e uomini, il tutto inserito nel più grande organismo vivente cosmico. 

La Biodinamica dà grande importanza a tutte le lavorazioni del terreno e delle piante (le semine, i trapianti, le potature ecc.), alla posizione dei pianeti e degli astri, poichè la Terra fa parte dell’universo, seguendo un calendario astronomico appositamente realizzato.

La filosofia

L’Agricoltura Biodinamica implica una filosofia, un modo di vivere, di osservare come respira e lavora la terra nell’arco delle 4 stagioni (con le fasi di espirazione in primavera ed estate, inspirazione in autunno ed inverno), affinchè diventi sempre più fertile nell’ambito di un rapporto di quasi empatia tra il contadino e la terra. Il contadino è una specie di sacerdote la cui attività, quasi iniziatica, non deve essere necessariamente capita, ma solo osservata nei risultati. Ciò in quanto la Biodinamica lavora non con le sostanze (come l’agricoltura convenzionale ed anche quella biologica), bensì con le forze in una visione olistica del mondo agricolo.

Non si potranno mai capire le piante, gli animali, i parassiti presi ognuno per sè. Dobbiamo considerare tutto l’universo per spiegare il mondo vivente delle piante. La vita proviene da tutto l’universo, non solo da quella che la terra ci offre. La natura è tutt’uno e le forze fluiscono da tutte le parti. Cosa fa lo scienziato oggi? Prende un preparato, lo scinde e lo studia tenendolo isolato dall’ambiente esterno e lo scruta al microscopio. E’ esattamente il contrario di quello che bisogna fare per capire il macrocosmo. Non solo ci si isola in una stanza, ma ci si isola dallo splendore del mondo. Null’altro esiste, se non quello che si centra con la lente microscopica. Ma se noi ritroveremo la strada verso il macrocosmo, allora capiremo di nuovo la natura e altro ancora


(R. Steiner, sesta lezione 24.06.1924).


 

L’uomo moderno sembra non rendersi conto di avere assoluto bisogno delle piante per sopravvivere e non viceversa. Infatti, le piante hanno la capacità di assorbire sostanze inorganiche per trasformarle in organiche, mentre gli uomini e gli animali fanno l’esatto contrario, assorbono le sostanze organiche, le distruggono e le mineralizzano. Non potremo sopravvivere se non in simbiosi con ciò che ci circonda.

Sostenibilità

La sostenibilità è il valore che ispira la missione di 4 Principia Rerum, determinando il nostro modo di lavorare e crescere, sia come azienda che come persone, compiendo scelte etiche e responsabili. Siamo profondamente convinti, che il rispetto per l’uomo e per l’ambiente nell’ottica di uno sviluppo sostenibile, sia possibile solo attraverso azioni e comportamenti etici, veritieri e coerenti, capaci di fare la differenza nella vita di tutti i giorni. 4 P.R., essendo un’azienda agricola biologica e biodinamica, seppur di modeste dimensioni, cerca costantemente, ogni giorno, in concreto, di contribuire alla sostenibilità nei seguenti modi:
 

  • contenimento dei consumi energetici
  • contenimento e recupero idrico
  • utilizzo di materiale riciclabile
  • riutilizzo totale del prodotto aziendale
  • investimenti in tecnologia
 
DOCUMENTI E APPROFONDIMENTI